fbpx
news.jpg

Come lavarsi i denti? La domanda sembra semplice e scontata, ma sei veramente sicuro di sapere come prenderti cura adeguatamente del tuo sorriso?

In questo articolo faremo un piccolo ripasso e, in più, ti daremo 3 consigli utili per mantenere denti e gengive in forma!

 

Sei pronto? Iniziamo!

 

 

Come lavarsi i denti: le basi

 

Probabilmente già lo sai: è consigliato lavarsi i denti almeno tre volte al giorno per almeno due minuti, dopo i pasti. L’importante è, però, ricordarsi di attendere almeno 30 minuti, in particolare se hai consumato bevande o cibi acidi come agrumi, vino, succhi di frutta.

Infatti, se spazzoli i denti in quel momento, potresti danneggiare lo smalto.

Non riesci ad attendere così a lungo, sei di fretta o devi uscire?

Ti consigliamo di sciacquare la bocca un paio di volte con acqua tiepida, per poi procedere all’igiene orale. In questo modo ridurrai l’azione degli acidi.

 

 

Spazzolare i denti… è un’arte!

 

Non muovere lo spazzolino a caso, è come una bacchetta magica: a seconda del movimento funziona in modo diverso.

Quando ti lavi i denti, dunque, muovi sempre lo spazzolino dalla gengiva verso il dente e ricorda di pulire con attenzione anche la parte interna della dentatura e i denti più lontani.

Non esercitare troppa pressione, altrimenti le setole non riusciranno ad entrare negli spazi interdentali e a igienizzare adeguatamente la zona.

Una volta spazzolati i denti, prenditi cura anche della lingua e passa lo spazzolino delicatamente su tutta la superficie, in essa si possono annidare moltissimi batteri!

 

Spazzolino da denti e filo interdentale: l’accoppiata perfetta

 

Spazzolare i denti perfettamente a volte non basta, alcune piccole fessure potrebbero sfuggirti! È qui che entra in gioco il filo interdentale! Lo puoi utilizzare una volta al giorno per eliminare residui di cibo o placca che sono resistiti all’azione dello spazzolino.

 

Come utilizzarlo? È semplicissimo!

 Dopo aver avvolto le due estremità del filo attorno a un dito per ciascuna mano, inseriscilo tra un dente e l’altro, strofinando delicatamente.

 

Consiglio n. 1

 

Ora che abbiamo fatto un breve ripasso su come lavarsi i denti in modo efficace, iniziamo con i consigli!

 

È importante detergere sempre lo spazzolino da denti, questo perché i batteri che popolano il cavo orale tendono a depositarsi sulle setole e sul manico dello spazzolino. Ti consigliamo di lavarlo accuratamente e di farlo asciugare senza ricoprirlo con la testina di plastica.

Con cosa lavarlo?

Puoi igienizzare il tuo spazzolino semplicemente con acqua tiepida e collutorio oppure con apposite pastiglie disinfettanti… più semplice di così!

 

Consiglio n. 2

 

Quando acquisti uno spazzolino nuovo, ti consigliamo di sceglierlo a setole medie o morbide, in questo modo non rischierai di danneggiare lo smalto o di irritare le gengive.

 I tipi di spazzolino in commercio sono davvero moltissimi, l’importante è trovare quello che per dimensione e caratteristiche risulta più adatto a te.

Ad esempio, se indossi l’apparecchio fisso, esistono spazzolini specifici, detti ortodontici, che ti facilitano nella pulizia di placchette e elementi metallici.

 

Consiglio n. 3

 

Quante volte te l’hanno detto? Una mela al giorno toglie il medico di torno… e anche il dentista!

Un sorriso in forma, infatti, passa anche attraverso l’alimentazione! Ti consigliamo una dieta varia, senza un eccessivo consumo di zuccheri.

Evita bevande come tè o caffè, che potrebbero ingiallire o macchiare i denti.

Abbonda, invece, con frutta, verdura e alimenti ricchi di vitamine e sali minerali!

Cibi come carote, sedano e mele sono estremamente utili, non solo per i loro nutrienti, ma anche perché, grazie alla loro croccantezza, riescono a pulire naturalmente il dente da eventuali residui di placca o batteri.

 

 In conclusione…

 Sei arrivato alla fine di questo articolo! Come lavarsi i denti? Ora hai tutte le informazioni che ti servono per prenderti cura del tuo sorriso in modo efficace.

 Noi, comunque, siamo sempre a tua disposizione. Se hai dubbi o domande non esitare a contattarci!

 


newss.jpg

A seguito dell’intervento di implantologia, una delle domande più frequenti che ci vengono fatte riguarda cosa mangiare dopo l’impianto dentale, in questo articolo cercheremo di dare risposta a questo e ad altri tre quesiti che spesso ci vengono presentati.

 

Qualche tempo fa hai deciso che non ne potevi più. Eri stanco di guardarti allo specchio insoddisfatto e di coprirti la bocca con la mano per nascondere quegli imbarazzanti spazi vuoti nella tua dentatura.

Non sopportavi più di dover rinunciare a mangiare alcuni dei tuoi cibi preferiti.

Com’era fastidioso avere difficoltà persino nel parlare!

L’implantologia è stata la tua soluzione e finalmente, dopo le dovute visite e valutazioni, ti sei sottoposto all’intervento!

Come ben sai l’inserimento dell’impianto dentale deve essere accompagnato anche da piccoli accorgimenti quotidiani.

A questo proposito, le domande sono tante: cosa posso fare e quali sono i comportamenti da evitare dopo l’intervento? Cerchiamo di fare chiarezza insieme.

 

Posso fare sport dopo l’intervento di implantologia?

Per i primi giorni, circa una settimana, ti consigliamo di rimanere a riposo e di evitare qualsiasi attività fisica. Quest’ultima, infatti, potrebbe aumentare la tua pressione sanguigna e far sanguinare di più la ferita.

A guarigione avvenuta, sarai libero di praticare l’attività fisica che più preferisci, cercando sempre di proteggere per quanto possibile la zona della bocca. In questo modo potrai preservare l’impianto dentale al meglio.

  

Dopo l’intervento posso lavarmi i denti? 

Dopo l’intervento fino alla rimozione dei punti ti consigliamo di non spazzolare la zona operata, per tenerla pulita sarà sufficiente sciacquare la bocca con il collutorio due volte al giorno.

Per quanto riguarda la dentatura naturale adiacente all’impianto, potrai svolgere l’igiene orale quotidiana come di consueto, evitando il filo interdentale.

Una volta rimossi i punti e ricevuto il “via libera” dal tuo dentista, potrai ricominciare a lavarti i denti normalmente.

 

Cosa mangiare dopo impianto dentale: devo evitare alcuni cibi? 

Per favorire il processo di guarigione, è importante dedicare un’attenzione particolare all’alimentazione, soprattutto nei giorni successivi all’intervento.

Ti consigliamo di prediligere pietanze morbide come, ad esempio, verdure bollite, gelati, carne macinata. Oltre a questo è importante evitare alimenti troppo caldi o speziati che potrebbero favorire l’irritazione della ferita, e cibi che presentano semini che potrebbero incastrarsi tra i denti, ad esempio i kiwi.

 

Posso fumare dopo l’impianto dentale?

Il fumo è un grande nemico degli impianti dentali. In particolare, subito dopo l’intervento, esso può compromettere il processo di osteointegrazione che è decisivo perché un impianto si innesti correttamente.

Oltre a pensare bene a cosa mangiare dopo l’impianto dentale, ti consigliamo di smettere o almeno di ridurre il consumo di sigarette, per evitare di rendere vano tutto il lavoro di implantologia svolto.

 

In Conclusione 

In questo articolo abbiamo cercato di rispondere ad alcune domande che forse anche tu ti sarai fatto, abbiamo parlato di cosa mangiare dopo l’impianto dentale, sport, fumo e igiene.

Quello che possiamo concludere è che il successo di un impianto non è il risultato solo del lavoro del dentista, ma è importante che anche tu faccia la tua parte e ti prenda cura di te, per evitare complicazioni dovute a disattenzioni e a comportamenti rischiosi.

 



ALL ON FOUR CARICO IMMEDIATO: Purtroppo sei rimasto senza denti e la protesi vi sta rendendo la vita difficile: ciò genera un senso di insicurezza e sconforto: la protesi è mal fissata, , il palato è coperto e di conseguenza non riesci ad assaporare bene il cibo.

Nei casi in cui ti si prospetti l’estrazione di tutti i denti  sai già che andrai incontro  andare incontro a questi problemi.

Nel caso in cui tu sia rimasto senza denti  o abbia la protesi completa, devo darti una buona notizia: nel nostro studio dentistico a Capoterra (CA) possiamo ridarti un sorriso in tempi rapidi con la tecnologia ALL ON FOUR (implantologia a carico immediato), specialmente nei casi in cui l’osso disponibile con permette altri tipi di implantologia.

IMPLANTOLOGIA ALL ON FOUR A CARICO IMMEDIATO

Le soluzioni universali raramente sono anche quelle ideali , ogni paziente merita una soluzione individuale, tu merita meriti una soluzione individuale!

Una soluzione condizionata dal tuo carattere e dalle tue aspettative, dal tempo e dal denaro che vuoi investire.

E’ una soluzione classica e standard per il paziente che desidera qualcosa di semplice e attestato. E’ quasi sempre possibile, anche quando l’osso è in uno stato di atrofia avanzata.

Sia la difficoltà dell’intervento, sia il costo sono moderati.

Questo tipo di soluzione protesica è più recente (è in funzione da una decina di anni).

Comunque i dati riferiti ai pazienti attentamente seguiti mostrano ottimi risultati.

Si tratta di una protesi fissa, comunque grazie al fatto che gli impianti si inseriscono sotto un certo angolo.

E’ sufficiente inserire 4 impianti nella mascella inferiore e 6 impianti nella mascella superiore. Funziona perfettamente per la mascella inferiore.

Il lato positivo: con la tecnica ALL ON FOUR CARICO IMMEDIATO, entro 24-48 ore può avere dei denti fissi, non ci sono ricostruzioni ossee importanti e spesso è possibile inserire gli impianti subito dopo l’estrazione di ultimi denti rimasti.

Dopo un periodo iniziale che va da 3 a 6 mesi, sostituiamo il lavoro  provvisorio  con quello definitivo.

 



STUDIO DENTISTICO CAPOTERRA (CAGLIARI)

Nel nostro studio dentistico a Capoterra (CAGLIARI), ci occupiamo di odontoiatria estetica.

L’ odontoiatria Estetica  si rifà al concetto di “bellezza”, relativo all’ aspetto di un restauro protesico.

Le più importanti tecniche di odontoiatria estetica sono:

  • Sbiancamento dentale
  • Faccette di ceramica
  • Corone in ceramica “metal free o ceramiche Integrali”
  • Otturazioni Bianche in Composito
  • Intarsi in Composito o Ceramica
  • Correzioni dell’andamento gengivali “estetica rosa”

Ciò si ottiene  attraverso la creazione di forme e colori ideali.

La  Cosmetica in odontoiatria è rappresentata da  quella parte di terapie che hanno come unico obiettivo, il miglioramento dell’aspetto di uno o più elementi dentali, dei tessuti orali e/o periorali.

Quindi  il concetto di odontoiatria estetica riguarda  tutte le terapie protesiche, in cui l’attività dell’odontotecnico è importante.

Considerando che l’obiettivo dovrebbe sempre essere l’ottenimento, oltre che di una funzione e di una biologia ottimali, anche di un aspetto gradevole.

La cosmetica riguarda invece il miglioramento dell’aspetto dei tessuti periorali.

Spesso in uno stesso paziente, come possiamo osservare nel nostro studio dentistico a Capoterra (CAGLIARI),  la cosmetica e l’estetica si sovrappongono, e la distinzione tra le due discipline diventa filosofica.

Si parla di odontoiatria cosmetica negli sbiancamenti di denti pigmentati, o nell’applicazione di “piercing” dentali, o nelle plastiche additive o sottrattive di elementi malformati.

Quindi lo sbiancamento dentale rientra nell’ambito della odontoiatria cosmetica.

Quando però la plastica dentale ripristina anche la funzione (per esempio ricostruendo una guida canina o incisale) la stessa terapia può essere inscritta nel perimetro dell’odontoiatria estetica.



FACCETTE DENTALI 

Faccette dentali

Ciao, se stai leggendo, sicuramente sei incuriosito dalle FACCETTE DENTALI

Cercherò di spiegarti di cosa si tratta in maniera semplice.

Partiamo da alcune semplice considerazioni, di natura anatomica.

Abbi pazienza, nulla di complicato!

Lo strato esterno del dente è costituito dallo smalto.

Lo strato sotto lo smalto è costituito dalla dentina.

Domanda: cosa determina il colore del dente?

Se hai risposto la dentina, sei pronto per andare avanti!!

Se vogliamo modificare il colore del dente dobbiamo, inevitabilmente intervenire sulla dentina, mentre se vogliamo intervenire sulla forma possiamo  intervenire su forma e colore.

Fantastico, vero?

Per migliorare il sorriso da piccoli o grandi inestetismi,  le faccette dentali rappresentano la soluzione ideale!

Avere un bel sorriso aiuta a migliorare il rapporto con il proprio aspetto e, di conseguenza, anche i rapporti sociali.

Ma cosa sono le faccette?

Nulla di complicato!

Le faccette sono semplici stratificazioni di ceramica da applicarsi sui denti naturali.

Si, hai capito bene!

Il dente naturale viene rispettato, nessun intervento demolitivo!

Le faccette dentali  permettono anche la correzione di piccoli difetti di forma e posizionamento dei denti. 

COME SI PROCEDE?


Semplice!

Si parte da una impronta!

In ciò ci può venire in aiuto lo scanner endorale.

In questo modo l’impronta viene acquisita in forma digitale e venire inviata, in forma di file, al laboratorio.


Se vuoi saperne di più chiamaci!!

STUDIO MARONGIU

070721875

Via Monteverdi 78 Capoterra Cagliari



 Amalgama
Rimozione Amalgama

 

Rimozione amalgama

L’amalgama dentale o amalgama d’argento è un materiale composito a matrice metallica[1] usato in odontoiatria per le otturazioni.. Gli elementi presenti nella sua composizione sono mercurio (45-50% circa del contenuto totale), argento (~22-32%), stagno (~11-14%), rame (~6-9%), zinco (~2%).

Per molto tempo è stato il materiale più utilizzato per le otturazioni degli elementi dentali, compromessi dalle carie dentali.

 

Negli ultimi decenni il suo uso si è ridotto drasticamente   per ragioni estetiche, per la disponibilità di materiali alternativi, per l’inquinamento ambientale, e per, secondo molti autori, la sua tossicità sui pazienti.

 

Attualmente in Italia il suo uso è sconsigliato e addirittura bandito nei bambini e nelle donne in gravidanza.

 

Nello Studio Marongiu il suo uso è bandito e preferiamo ricorrere all’utilizzo di materiali alternativi come gli intarsi e i compositi.

 

Nel nostro Centro utilizziamo un protocollo di rimozione delle vecchie amalgame, che prevede l’impiego della diga di gomma, aspirazione ad alta velocità dei vapori di mercurio liberati durante la rimozione e l’assunzione da parte del paziente di un cocktail di farmaci antiossidanti e detossicanti.

In questo modo si minimizzano i rischi legati alla rimozione.

Cercheremo di descrivere in maniera semplice e chiara il protocollo da noi usato:

  • La seduta inizia con l’anestesia
  • Applicazione della diga di gomma, un foglio in lattice spesso, montato su un telaietto, che isola il dente da trattare
  • applicazione di filtri o garze sulle narici del paziente, in modo da minimizzare l’aspirazione di vapori di mercurio
  • aspirazione attraverso aspiratori ad alta velocità
  • somministrazione di farmaci antiossidanti.

Consigliamo al paziente, dopo la rimozione dell’amalgama,  una volta rientrato a casa, lavaggio accurato del viso e dei capelli, per rimuovere eventuali contaminanti.

Una buona idratazione, una dieta ricca di frutta e verdura e l’assunzione di vitamine del gruppo A, C ed E sono altamente consigliate, per il loro effetto antiossidante.

 

 

 

 



SEDAZIONE COSCIENTE:

 

La seduta odontoiatrica può e deve essere un momento gradevole, col quale ci si occupa, in maniera serena e tranquilla, della propria salute.

Eliminare  l’ansia è la condizione essenziale perchè questo possa avvenire.

Può essere utilizzata per tutte le pratiche odontoiatriche, dall’igiene orale alle otturazioni, all’estrazione dei denti del giudizio.

 

 

COME RENDERE SERENA E TRANQUILLA LA SEDUTA DAL DENTISTA

La SEDAZIONE COSCIENTE è una tecnica di rilassamento utile per tutti gli interventi (chirurgia, igiene dentale, presa di impronte). La somministrazione gestita di una miscela ad alto contenuto di ossigeno e di protossido di azoto , per cui non serve anestesista, avviene attraverso una mascherina nasale, è ad effetto rapido e consente di lavorare con la massima continuità. Viene anche  chiamata sedo-analgesia, e viene utilizzata per provocare una condizione di rilassamento e controllo del dolore durante una procedura diagnostica o chirurgica: il paziente  rimane cosciente ma completamente rilassato, non sentirà Dolore e avrà un ricordo piacevole dell’intervento.

 

VANTAGGI DELLA SEDAZIONE COSCIENTE

  1. Assenza di ansia

  2. Seduta indolore

  3. L’anestesia locale, che viene comunque praticata, non viene avvertita dal paziente

  4. I piccoli pazienti affrontano le cure e collaborano in maniera completa.

Con la la sedazione cosciente la seduta odontoiatrica diventa un momento di serenità, privo di quelle caratteristiche negative tipiche della seduta dal dentista.

Dopo circa due minuti ti senti rilassato, tranquillo, sereno ed partecipi in maniera ottimale all’atto terapeutico.

Terminata la seduta, dopo circa dieci minuti, puoi riprendere le tue normali attività, come guidare, lavorare, eseguire compiti impegnativi.

Le controindicazioni sono minime, relative a condizioni molto rare.

Le indicazioni, al contrario, sono numerose: pazienti ipertesi, diabetici, cardiopatici, pazienti nei quali un aumento della produzione di adrenalina potrebbe essere controindicato.

Nel trattamento dei piccoli pazienti i risultati sono ottimi!

Collaborano in modo ottimale, permettendo sedute senza ansia e sopratutto efficaci.

Normalmente un bambino sottoposto a questo trattamento torna a casa con un ricordo positivo della seduta dal dentista.